Sonntag, 19.05.2024 04:42 Uhr

Kusama allo Stedelijk Museum di Schiedam in Olanda

Verantwortlicher Autor: Paola Testoni Rotterdam, 07.09.2023, 11:25 Uhr
Presse-Ressort von: Paola Testoni de Beaufort Bericht 8130x gelesen

Rotterdam [ENA] Dal 23 settembre al 25 febbraio 2024, lo Stedelijk Museum della cittadina di Schiedam, nei Paesi Bassi, presenta una mostra dedicata agli anni olandesi dell’artista giapponese Yayoi Kusama. Sono esposte le opere che l’artista ha creato durante i vari periodi in cui ha vissuto e lavorato nei Paesi Bassi, insieme a molte fotografie di Kusama scattate mentre si trovava nel paese. Opere sconosciute e molto fragili dei

primi anni di Kusama ora in mostra insieme per la prima volta. ‘Yayoi Kusama. Gli anni olandesi 1965-1970’ mostra un’immagine nuova e sorprendente di una giovane Kusama già molto consapevole di sé, impegnata a gettare le basi per il suo lavoro artistico ormai riconosciuto a livello internazionale, vissuto durante il periodo passato nei Paesi Bassi e caratterizzato dal movimento di controcultura Provo, dagli eventi e dalla cultura giovanile di quegli anni.

Kusama superstar Negli ultimi decenni, Kusama (Matsumoto, 1929) è diventata una delle star internazionali più famose ed esibite nel mondo dell’arte. È stata determinante in diversi movimenti artistici iconici del dopoguerra tra cui ZERO, Pop Art e performance art. Per tutta la vita, ha dovuto lottare per il suo posto nel mondo dell’arte moderna dominato dagli uomini in Giappone, negli Stati Uniti e in Europa. Le mostre recenti si sono spesso concentrate sulle sue spettacolari installazioni degli ultimi anni. Anche le sue collaborazioni con i principali marchi della moda hanno raccolto molta attenzione.

A Schiedam, tuttavia, si celebra il suo ruolo di eroina pioniera, femminista e cult degli anni 60. In vista della mostra, il museo sta conducendo una nuova ricerca basata sulle numerose foto scattate da fotografi olandesi, opere d’arte in collezioni private olandesi, articoli su giornali locali e interviste a testimoni oculari degli eventi. Pertanto, la mostra ripercorre le attività di Kusama a L’Aia, Delft, Amsterdam e Schiedam, posando davanti a installazioni, per le strade, nel suo studio e durante eventi e sfilate di moda.

Le performance a Schiedam Questa mostra è direttamente ispirata alla performance di Kusama del 1967 nella cappella dello Stedelijk Museum Schiedam, in cui ha dipinto il corpo nudo del famoso artista Jan Schoonhoven con dei grandi pois. Alla fine degli anni ’60, Kusama aveva uno stretto rapporto con artisti olandesi il cui lavoro è nella collezione del museo, come Henk Peeters e Jan Schoonhoven. Kusama viveva negli Stati Uniti all’epoca, ma esponeva più frequentemente nei Paesi Bassi che negli Stati Uniti.

La Galleria Internazionale Orez a L’Aia ha svolto un ruolo fondamentale nel fare conoscere l’artista in Europa, dedicandole tre mostre personali e coinvolgendola in numerosi eventi. In quegli anni, il lavoro di Kusama venne influenzato non solo dalle arti visive dell’epoca, ma anche dalla cultura popolare, dal clima politico e dalla rivoluzione sessuale nei Paesi Bassi. Eccezionale e contemporanea La liberazione sessuale, l’immagine di sé e la critica istituzionale sono temi chiave nel lavoro di Kusama. La mostra a Schiedam presenta le sue prime sculture, dipinti e installazioni, oltre a un gran numero di fotografie e filmati, mai visti prima, dei numerosi eventi e delle varie sfilate di moda che ha organizzato nei Paesi Bassi.

Molte di queste opere non sono state mostrate al pubblico dal 1960. In mostra c’è anche la Polka Dot Love Room, che ha realizzato per la sua mostra personale del 1967 alla Galleria Orez a L’Aia. Infine, ci sono opere di contemporanei con cui Kusama ha esposto, tra i quali: Michael Cardena, Lotti van der Gaag, Tetsumi Kudo, Nol Kroes, Henk Peeters, Hans Spesshardt, Ferdinand Spindel, Celestino Valenti e Gerard Verdijk. Alcuni dei fotografi di spicco il cui lavoro sarà anche in mostra sono: Marianne Domisse, Just Fahner, Philip Mechanicus, Harrie Verstappen, Theo van Houts, Herbert Behrens, Pieter Boersma, Cor Stutvoet, Ton Janssen e Raoul van den Boom.

Collaborazione con O-ISTITUTE Yayoi Kusama. The Dutch Years 1965-1970 è stato curato dallo Stedelijk Museum Schiedam in stretta collaborazione con O-INSTITUTE, che da molti anni effettua ricerche sul periodo passato da Kusama nei Paesi Bassi. La mostra sarà accompagnata da una pubblicazione in collaborazione con la casa editrice nai010. Yayoi Kusama. Gli anni olandesi 1965-1970* *Nuova luce sui primi anni della superstar Kusama. Dal 23 settembre 2023 al 25 febbraio 2024 Stedelijk Museum Schiedam Maggiori informazioni: https://www.stedelijkmuseumschiedam.nl/tentoonstelling/yayoi-kusama-the-dutch-years-1965-1970/

Für den Artikel ist der Verfasser verantwortlich, dem auch das Urheberrecht obliegt. Redaktionelle Inhalte von European-News-Agency können auf anderen Webseiten zitiert werden, wenn das Zitat maximal 5% des Gesamt-Textes ausmacht, als solches gekennzeichnet ist und die Quelle benannt (verlinkt) wird.
Zurück zur Übersicht
 
Info.